Programmitv.info

Il cane pompiere

Film (2007)

cielo

Rexxx non è solo un cane: si tratta di una vera star di Hollywood, ed è coccolato in maniera talmente ridicola da rischiare di essere invitato per un'intervista in un talk show. Un incidente lo separa da Trey, il suo proprietario, e lo rende irriconoscibile. È in queste condizioni che arriva alla centrale dei pompieri in cui lavora Connor Fahley (Bruce Greenwood), il padre di Shane (Josh Hutcherson), un dodicenne difficile. Connor decide di adottare il randagio e innesca così l'inizio di una sequenza di fraintendimenti tra Rexxx, che pretende di essere trattato da star, e gli altri bipedi. Allo stesso tempo, proprio il cane sarà la chiave di volta per sollevare il rapporto con suo figlio e le sorti della centrale. La trama è chiara: non ci possiamo aspettare incredibili colpi di scena da un film estivo per famiglie come questo, ma scene strappalacrime in cui tutte le corde della vita familiare e dell'affetto tra padre, figlio e cane vengono toccate, alleggerite dalle numerosissime gag relative all'animale, che strappano talvolta sorrisi, talaltra risate, mischiando Lassie e Scooby-Doo. Si tratta indubbiamente di un film da vedere insieme ai propri figli, pena la perdita di senso e di tempo. La regia è lineare, tranquilla e senza sbavature: quello che ci si attende da Todd Holland, che ha vinto tre Emmy proprio con una pellicola per famiglie. Greenwood da un'eccellente prova di doti recitative, anche in un ruolo di questo genere, ma chi stupisce per la crescita espressiva è indubbiamente Hutcherson, che riesce ad immergersi molto più nel ruolo di quanto avesse fatto in Un ponte per Terabithia. Il resto del cast, al contrario, è notevolmente sotto tono, ristretto in ruoli un po' ovvi nei quali nemmeno gli attori sembrano credere troppo. Ottime prestazioni da parte del cast canino: Rexxx è interpretato da quattro terrier irlandesi a pelo rosso (peraltro, dai tolkeniani nomi Arwen, Frodo, Rohan e Stryder) che danno grandi prove atletiche, anche se molte scene lasciano pensare a dei ritocchi grafici.